Sì all’odg di Baratter per coinvolgere i richiedenti asilo in progetti di utilità sociale.

Baratter_Lorenzo.jpg

Approvato con 26 voti a favore e 2 contrari il testo proposto dal consigliere del Patt impegna la Giunta ad attivarsi presso i Comuni che ospitano richiedenti asilo per verificare il fabbisogno di attività volontarie di utilità sociale, ad elaborare con ciascun Comune specifici progetti di volontariato rapportati ai bisogni locali e a svolgere un ruolo di facilitazione a favore dei singoli Comuni, con supporti amministrativi e organizzativi, per garantire la massima adesione dei richiedenti asilo a questi progetti.

Di seguito il testo dell’ordine del giorno approvato:

Come è noto anche la Provincia autonoma di Trento è assegnataria, in numero crescente, di richiedenti asilo, i quali, in molti casi, rimangono a lungo in attesa di risposte circa il loro status.

In questi anni alcune amministrazioni comunali, di propria iniziativa, hanno realizzato alcuni importanti progetti finalizzati al coinvolgimento di tali richiedenti asilo in attività di utilità sociale, che non si configurano come attività lavorative ma come progetti a carattere di volontariato e a beneficio della collettività.

La Provincia autonoma di Trento, d’altro canto, non solo ha svolto diverse attività sperimentali in questa direzione, ma ha manifestato di credere nell’importanza di questo tipo di progetti i quali, tuttavia, mantengono oggettivamente carattere sporadico sul nostro territorio, mentre meriterebbero un’applicazione ampia, estesa e sistematica, in sinergia con i Comuni.

Al fine anche di favorire maggiore accettazione sociale, nel contesto di una situazione di emergenza, si ritiene quindi necessario che la Provincia svolga un ruolo incisivo e strutturato di regia e supporto per mettere a sistema questo tipo di interventi, in una logica di corresponsabilità, facendo tesoro dell’esperienza maturata.

Tutto ciò premesso,

il Consiglio della Provincia Autonoma di Trento

impegna la Giunta provinciale

1. ad attivarsi, tramite le proprie strutture competenti, presso ogni singola Amministrazione comunale del Trentino assegnataria di richiedenti asilo, per verificare il fabbisogno di attività volontarie di utilità sociale;

2. ad elaborare contestualmente, insieme a ciascun Comune sopra citato, specifici progetti di volontariato rapportati al fabbisogno delle singole Amministrazioni;

3. a svolgere di conseguenza un ruolo di facilitazione in favore di tali Comuni, compreso supporto amministrativo e organizzativo, al fine di garantire la massima e più estesa adesione possibile dei richiedenti asilo ai suddetti progetti di volontariato di utilità collettiva.

26-07-2017



©2014 PATT Partito Autonomista Trentino Tirolese